MagZine

ALIMENTAZIONE

Non aprire quel frigo! Potresti dimenticare delle cose…

L’uomo è ciò che mangia”, recita la famosa affermazione del filosofo Ludwig Feuerbach.

Il cibo influisce in molti modi sulla nostra salute fisica… ma anche mentale.

Che gli spuntini di mezzanotte fossero controindicati in una dieta equilibrata è un fatto noto. Uno studio però ha dimostrato gli effetti negativi che mangiare a orari irregolari può avere anche sulla memoria (fonte).

In particolare, per due settimane sono stati monitorati dei topi divisi in due gruppi: uno a cui veniva dato da mangiare durante il giorno e un altro che invece riceveva il cibo nelle ore in cui avrebbe dovuto dormire, quindi secondo un ritmo sfalsato.

Sono stati lasciati circolare anche per delle stanze, in una delle quali c’era una piccola scossa elettrica: il risultato è stato che i topi che mangiavano a orari “regolari” ricordavano di quella stanza e la evitavano, gli altri invece avevano dimenticato quella associazione e dunque risultavano… smemorati!

 

Lo stesso risultato ha dato un altro test in cui i topi dovevano riconoscere un oggetto nuovo: ancora una volta i roditori degli spuntini notturni non sembravano ricordarlo a differenza dei loro altri simili che si erano cibati con più regolarità. 

La conclusione della ricerca è dunque che consumare cibo ad orari sregolati provoca un disallineamento degli orologi interni del corpo e del cervello. Dato che la memoria a lungo termine è gestita dall’ippocampo, pare che l’alimentazione a orari irregolari vada a interferire proprio con questa parte del cervello e quindi anche con la nostra capacità d’apprendimento connessa alla memoria.

Mangiare sregolato quindi non minaccia solo la regolarità del nostro metabolismo. Pensateci bene la prossima volta che avrete un languorino a mezzanotte… e non aprite quel frigo!

Per evitare pasti notturni sregolati potrebbe aiutarvi migliorare la qualità del vostro sonno: Mag Notte, a base di Magnesio e Melatonina, può aiutarvi ad addormentarvi più velocemente e dormire meglio!

Questo articolo non contiene alcuna raccomandazione di carattere medico, o suggerimento all’assunzione. Ricorda che il tuo medico curante è il riferimento a cui rivolgerti per trovare la soluzione più adatta per te.

SAIT.CHC.16.09.0671