Regolazione ormonale e carenza di magnesio

Regolazione ormonale: causa di carenza di magnesio

Il magnesio è un minerale molto importante per le donne e non solo. I benefici che apporta all’organismo possono essere molteplici: è un componente essenziale per le ossa, facilita il processo di assimilazione delle vitamine e aiuta a riequilibrare il sistema nervoso in periodi di grande stress.

L'importanza del magnesio per le donne

Nell’organismo femminile, il magnesio riveste un ruolo ancora più rilevante poiché le sue proprietà possono essere messe in relazione alla fisiologia ormonale delle donne.
Per le donne è quindi consigliabile essere a conoscenza dei processi fisici in cui il livello di magnesio nel sangue può giocare un ruolo importante:
Sindrome premestruale: il magnesio aiuta a combattere gli sbalzi d’umore, sintomi tipici dei giorni precedenti all’inizio delle mestruazioni.

  • Dolori mestruali: molte donne soffrono di forti dolori durante il periodo delle mestruazioni. Una particolare attenzione nell’assunzione del fabbisogno giornaliero di magnesio, potrebbe attenuarli.
  • Menopausa: l’oligoelemento in questione può attenuare i nuovi sintomi che una donna si trova ad affrontare in questa fase della propria vita: è possibile che aiuti a smorzare le vampate di calore e la manifestazione di stati di accentuata e prolungata preoccupazione.
  • Osteoporosi: il magnesio può rivelarsi utile per la prevenzione della perdita di sali minerali, tra le cause di osteoporosi e artrosi.  
  • Attività intestinale: il magnesio viene assorbito attraverso l’intestino e anche in questo passaggio può rivelarsi utile in quanto aiuta a regolarizzare l’apparato intestinale e a prevenire la sindrome del colon irritabile.
  • Digestione: la proprietà alcalinizzante del minerale Mg può essere una valida alleata per riequilibrare la digestione, in quanto è in grado di contrastare l’acidità.

numerosi benefici che il magnesio può portare all’organismo femminile spiegano il motivo per cui è fondamentale tenere sotto controllo gli eventuali sintomi di una carenza di magnesio. 

Carenza di magnesio nelle donne  

Il magnesio è protagonista di molti processi metabolici essenziali. Partecipa a più di  300 diverse reazioni biochimiche responsabili del buon funzionamento del sistema nervoso, dell’apparato muscolare e dell’apparato cardiocircolatorio.
È intuibile quindi come una carenza di questo minerale possa provocare una sensazione di malessere generalizzato e della quale è bene porre rimedio il prima possibile.   Tra le categorie più propense alla carenza di magnesio, si ha quella femminile ed è utile conoscere gli specifici sintomi che una donna può accusare nel momento in cui il suo organismo non riceva magnesio a sufficienza:  

  • Problemi ormonali: le donne affette da sbalzi ormonali, possono soffrire anche di carenza di magnesio; in particolare, il livello di Mg si abbassa all’aumentare dei valori di estrogeni e progesterone.
  • Mestruazioni: tra i sintomi più comuni si hanno crampi addominali e dolori muscolari. È possibile ricondurli ad una carenza di magnesio, la quale può causare proprio un indurimento del sistema muscolare. 
  • Gravidanza: curare il livello di magnesio presente nel proprio organismo può essere utile per la salute di una donna in questa fase di vita. Tra i possibili benefici di cui si può godere grazie al minerale si possono riscontrare un calo delle nausee e una minore ipertensione. Il magnesio può anche essere utile per scongiurare un parto prematuro. Si ricorda che è fondamentale consultare il proprio ginecologo o medico di fiducia prima dell’assunzione, in particolare in uno stato di gravidanza.

Altri sintomi che possono andare a indicare una probabile carenza di magnesio, non esclusivamente appartenenti alla sfera dell’organismo femminile, sono: dolori muscolari che comportano crampi e spasmi, periodi di forte stress causato dal lavoro, dallo studio o da preoccupazioni prolungate per lungo tempo e carenza di energia.

MAGNESIO E SINDROME PREMESTRUALE

La sindrome premestruale, con cui la maggior parte delle donne in età fertile si trova a combattere quasi ogni mese, porta con sé numerosi sintomi, tra cui emicrania, tensione al seno, gonfiore, irritabilità e stanchezza.
Molti di essi sono in comune con i tipici segnali di una carenza di magnesio. Infatti, la correlazione tra la sindrome premestruale e il magnesio è piuttosto stretta. Questo minerale incide su numerosi dei fastidi che si possono accusare in modo più accentuato del solito nei giorni precedenti alle mestruazioni, quindi, è consigliato agire preventivamente. Se ci si ritrova a soffrire particolarmente nei giorni della sindrome premestruale è consigliabile, con qualche giorno d’anticipo, introdurre sulla propria tavola alimenti ricchi di magnesio oppure assumere integratori alimentari di magnesio.
Ad esempio, il minerale può agire per dare sollievo da crampi e dolori, agevolando la distensione dei muscoli. Anche per contrastare il senso di stanchezza, il magnesio può essere un buon alleato: introducendo il giusto quantitativo giornaliero mantiene il livello corretto di produzione di ATP necessario per dare energia alle cellule e, di conseguenza, al corpo.

MAGNESIO E GRAVIDANZA 

In gravidanza è importante che la futura mamma garantisca al suo organismo un’adeguata quantità di tutti i nutrienti indispensabili. Tra questi è compreso il magnesio, non solo per tutte le proprietà descritte fino ad ora ma anche per i benefici specifici che può avere durante la durata della gravidanza.  

La dose di magnesio giornaliera consigliata da assumere in gravidanza è di circa 450 mg, ma è fondamentale consultarsi con il proprio medico curante o il ginecologo per comprendere quale sia la quantità più adatta alla persona. Questa può variare dallo stato di salute della futura mamma, del feto, dell’andamento della gestazione e da patologie pregresse o insorte recentemente. Inoltre, un esperto è anche in grado di indicare il modo migliore per assumere il minerale: infatti, è reperibile in numerosi alimenti oppure si può integrare con uno dei numerosi integratori alimentare di magnesio presenti sul mercato.

MAGNESIO E MENOPAUSA  

Alla comparsa della menopausa il corpo di una donna subisce numerosi cambiamenti, dovuti alla diminuzione della produzione di estrogeni. Tra i sintomi che possono manifestarsi si hanno: l’ipertensione, l’insonnia, le vampate di calore, la spossatezza, la difficoltà di concentrazione e di memoria.
Molti di questi possono aggravarsi se interviene una carenza di magnesio: cosa abbastanza comune, se si considera che, il corpo in menopausa, assorbe in quantità minore i principali nutrienti presenti negli alimenti.
Un’altra problematica comune a molte donne in questa fase della loro vita è la comparsa di dolori articolari e osteoporosi. Tuttavia, i fastidi derivanti dalla perdita di densità ossea possono essere arginati dall’integrazione di magnesio nell'organismo: grazie alle sue proprietà può rallentare i problemi che insorgono al sistema scheletrico.

Gli integratori di magnesio

Il magnesio appartiene ai 7 minerali essenziali per il benessere del corpo umano. Si desume quindi l’importanza di assumerne una quantità adeguata, affinché possa  partecipare a tutte le reazioni in cui interviene.
Per assicurarsi di assumere il corretto quantitativo giornaliero di magnesio, si può scegliere di inserire nella propria dieta gli alimenti più ricchi di questo oligoelemento nelle giuste porzioni. Oppure si può ricorrere agli integratori alimentari di magnesio.
Ci sono diverse tipologie di integratori, le quali vengono distinte dai sali con cui il magnesio lega. Il magnesio pidolato ad alto assorbimento e quello ossido a lungo rilascio sono sicuramente tra quelli più raccomandati

QUALCHE RIMESIO NATURALE CONTRO LA CARENZA DI MAGNESIO

Il modo più naturale per contrastare la carenza di magnesio è costruire la propria dieta alimentare con accuratezza. Integrare nei pasti, giorno per giorno, una corretta quantità di alimenti ricchi di magnesio, può essere una strategia per non andare incontro ad una situazione di deficit.
Alcuni alimenti contengono un alto tasso di questo nutriente e, in questa tabella1 sono indicate le quantità necessarie per assumere 100 g di magnesio:  

Alimenti ricchi di magnesio    Quantità (Mg/100g) 
Cioccolato fondente     292 
Crusca 420
Mandorle   260
Ceci secchi  130
Riso integrale   106
Fichi secchi  80
Carciofi  60 
Pane integrale    60
Banane  31
Cavolfiori     30 

FAQ  

Per FAQ si intendono, letteralmente, tutte quelle domande poste frequentemente. Quindi, a seguire, con le risposte ad alcune domande gettonate sugli argomenti trattati, si cercano di sciogliere dubbi inerenti all’assunzione del magnesio.

Magnesio in gravidanza: ci sono controindicazioni?

Non ci sono vere e proprie indicazioni all’assunzione di magnesio durante la gravidanza. Esiste, però, una circostanza in cui è bene evitarne il consumo eccessivo: in caso in cui si soffra di insufficienza renale. I disturbi che ne possono derivare sono, ad esempio, crampi, nausea, problemi intestinali. È importante Farsi consigliare dal medico curante.

Magnesio in gravidanza: a cosa serve? 

Il magnesio in gravidanza può avere effetti positivi sia sulla salute della donna incinta che su quella del feto:  

    per quanto riguarda il benessere della mamma, il magnesio è consigliabile per aiutare a prevenire la contrazione prematura dell’utero.

Invece, in merito al benessere del feto, il magnesio: 

  • può favorire cicli di sonno-veglia regolari;  
  • è utile a garantire un sano tono muscolare; 
  • aiuta a migliorare la circolazione fetale nel grembo materno.   

Quale magnesio prendere in menopausa?  

Dal momento in cui una donna entra in menopausa, potrebbe necessitare di una quantità di magnesio maggiore per scongiurare la carenza eccessiva. Il tipo di magnesio più consigliabile durante la menopausa è il magnesio pidolato.  

Quanto magnesio assumere in menopausa?  

Il fabbisogno giornaliero di magnesio, durante la menopausa, aumenta. Questo capita perché i nutrienti principali vengono assorbiti e trattenuti in quantità minore dall’organismo. È dunque consigliabile assumere un quantitativo di magnesio di circa 375 mg.  

E quando serve un’integrazione di magnesio… c’è Mag Ricarica, la tua dose giornaliera di Magnesio.

Questo articolo non contiene alcuna raccomandazione di carattere medico, o suggerimento all'assunzione.  Ricorda che il tuo medico curante è il riferimento a cui rivolgerti per trovare la soluzione più adatta per te.

Gli integratori non vanno intesi come sostituti di una dieta variata e di uno stile di vita sano.