MagZine

WELLNESS LIFESTYLE

Chi ha inventato l'ora legale?

Curiosità e aneddoti sul periodo dell’anno che ci fa dormire un’ora in più o un’ora in meno.

Tra sabato 24 e domenica 25 marzo, esattamente alle 2:00 in punto, daremo il benvenuto all’ora legale spostando le lancette del nostro orologio in avanti di un’ora. Ma come è nata questa scelta che ogni primavera ci porta a dormire un’ora di sonno in meno?

Era il 1784 quando Benjamin Franklin pubblicò sul Journal de Paris la sua proposta di spostare in avanti le lancette dell’orologio con l’arrivo dell’estate. Il suo obiettivo era di svegliarsi un’ora prima per approfittare delle giornate più lunghe e di conseguenza risparmiare candele la sera, andando a letto presto dopo una giornata intensa iniziata nelle prime ore del mattino. Il suo motto, infatti, era: “Early to bed and early to rise, makes a man healthy wealthy and wise“ (presto a letto e presto alzato, fan l’uomo sano, ricco e fortunato).

La proposta di Benjamin Franklin non fu accolta ma nel 1907 venne ripresentata dal costruttore inglese William Willet con lo scopo di rispondere alle esigenze di risparmio energetico dettate in un secondo momento anche dallo scoppio della Grande Guerra. Fu così che nel 1916 la Camera dei Comuni di Londra diede il via libera all’adozione del British Summer Time, seguita a breve da molti paesi europei, Italia compresa. Dopo diversi cambi di rotta, nel 1966 venne ufficializzata nel nostro paese l’entrata in vigore dell’ora legale mentre nel 1996 venne adottata con un calendario comune in tutta Europa.

La scelta di inserire il cambio dell’ora ha effetti positivi sul risparmio energetico, grazie alla quantità maggiore di ore di luce durante la giornata. L’ora legale, però, può portare anche fastidi e difficoltà nell’abituarsi ai nuovi ritmi. Non è un caso, infatti, se lo spostamento delle lancette avviene proprio di domenica, quando il cambio può avere meno possibilità di intervenire con gli impegni di tutti i giorni. Il suo effetto, comunque, accompagnato dal cambio di stagione, può portare a difficoltà nel ritrovare il riposo e il sonno.

Il consiglio per vivere al meglio questo cambiamento è di passare la sera precedente al cambio dell’ora facendo attività rilassanti. Una serata al cinema, o ancora meglio sul divano in compagnia della famiglia o degli amici, vi aiuterà a rilassarvi al meglio e vivere più tranquillamente il weekend che prevedrà un’ora in meno di sonno. Con un sabato all’insegna della tranquillità, sarà più facile trascorrere la domenica serenamente senza troppe conseguenze sull’umore e sul fisico.

Tale cambiamento, comunque, può portare spesso difficoltà nel ritrovare il sonno e il riposo. In queste situazioni, possono essere utili integratori alimentari a base di specifici ingredienti che favoriscono il rilassamento ed il benessere mentale necessari per riposare bene.

(Fonte)

In caso di difficoltà ad addormentarsi, o in caso di sonno disturbato, Mag Notte può essere un valido aiuto. La sua formulazione combina le proprietà del Magnesio a quelle della melatonina, che aiuta a ridurre il tempo necessario ad addormentarsi, e della griffonia, che favorisce il rilassamento ed il benessere mentale. Il contenuto della bustina può essere assunto direttamente, senz’acqua, oppure se si preferisce può essere sciolto in acqua fredda o calda.

Questo articolo non contiene alcuna raccomandazione di carattere medico, o suggerimento all’assunzione. Ricorda che il tuo medico curante è il riferimento a cui rivolgerti per trovare la soluzione più adatta per te.

Gli integratori non vanno intesi come sostituti di una dieta variata e di uno stile di vita sano. 

SAIT.MGN.18.03.0190