MagZine

SALUTE E BENESSERE

Sbadigliate a lungo? Allora avete un grande cervello!

Yaaawn…

Lo sbadiglio, si sa, è contagioso.

È una delle espressioni primordiali della specie sia umana che animale, come il mostrare i denti ossia sorridere per gli umani.

Se siamo abituati ad associare il sorriso a stati d’animo positivi, se una persona vi sbadiglia mentre le state parlando, molto probabilmente penserete che la state davvero annoiando…

Lo sbadiglio infatti è comunemente associato alla noia e al calo d’attenzione, oltre che più direttamente al sonno e al desiderio di dormire. Comunque non è ancora certo il fattore unico scatenante dello sbadiglio, probabilmente proprio perché è un fenomeno multifattoriale: può essere dovuto a stanchezza, fame, nervosismo o avere una funzione sociale (indicare noia per una certa situazione appunto).

Ma se vi dicessimo che lo sbadiglio potrebbe significare invece maggiore intelligenza!?

È quanto concluso da uno studio pubblicato sulla rivista Biology Letter condotto presso la State University of New York (fonte: http://www.repubblica.it/scienze/2016/10/05/news/_piu_sbadigli_a_lungo_piu_sei_intelligente_-149166669/ ), tra i cui autori c’è Andrew Gallup, il massimo “esperto di sbadigli”, tanto che lui stesso si definisce “Yawnologist” (https://twitter.com/acgallup).

  

Lo studio ha analizzato l’ampiezza dello sbadiglio e le dimensioni del cervello di soggetti appartenenti a specie diverse (conigli, gatti, elefanti, cani ed ovviamente anche esseri umani). Così ad esempio si è scoperto che i primati (di cui facciamo parte anche noi esseri umani) tendono ad avere sbadigli molto più lunghi di altri animali come ratti, conigli e volpi. Negli esseri umani la lunghezza è di circa 7 secondi, negli elefanti 6, cammelli e scimpanzé 5.

Gli scienziati spiegano questo fenomeno col fatto che nei primati vi è una struttura cerebrale più complessa, che ha necessità di una migliore circolazione e un raffreddamento più efficace, che avverrebbe proprio tramite lo sbadiglio. Del resto l’ipotesi ‘termoregolatoria’ è ad oggi quella più accreditata per spiegare lo sbadiglio: lo stesso Gallup aveva evidenziato come in estate si sbadigli di meno che in inverno per via dell’aria calda che è più simile a quella corporea.

Insomma, più a lungo si sbadiglia, più grande è il proprio cervello e più intelligente è lo “sbadigliatore”!

Se nonostante mille sbadigli avete difficoltà ad addormentarvi, provate Mag Notte, integratore a base di Magnesio e Melatonina!

*Questo articolo non contiene alcuna raccomandazione di carattere medico, o suggerimento all’assunzione. Ricorda che il tuo medico curante è il riferimento a cui rivolgerti per trovare la soluzione più adatta per te.

 

SAIT.CHC.16.10.0715