MagZine

SALUTE E BENESSERE

Le notti insonni causate dallo stress sono contagiose come il raffreddore?

Quante volte vi è capitato di sbadigliare mentre qualcuno lo faceva? E quante volte avete preso un raffreddore perché il vostro vicino di scrivania vi parlava fra uno starnuto e l’altro? Anche lo stress ed il sonno, come i malanni di stagione, possono essere contagiosi in modo da alterare il cervello di chi ne viene colpito tanto quanto quello di chi ne soffre. A dimostrarlo è uno studio pubblicato su Nature Neuroscience che ha analizzato l’impronta che un soggetto stressato può lasciare sul cervello dei propri simili, con il solo contatto.

La spiegazione starebbe nel fatto che gli esseri umani, così come i primati e i roditori, sono animali sociali capaci di fornire consolazione a individui stressati, alleviandoli da situazioni scomode, ma anche vivendo di riflesso sensazioni di stress e disagio. Dall’esperimento eseguito da Nature Neuroscience sui roditori è emerso che un soggetto moderatamente stressato può contagiare chi si trova vicino a lui, aumentando i livelli di corticosterone, una sostanza coinvolta nelle risposte da stress. Spiega Toni- Lee Sterley, autore della ricerca: "I neuroni che controllano la risposta del cervello allo stress hanno mostrato cambiamenti nei partner non stressati identici a quelli che abbiano osservato negli animali sottoposti a stress”. Tale contagio è causato da un avviso rappresentato da un feromone, un segnale chimico rilasciato dai topi e captato da soggetti della stessa natura che si trovano vicini.

Questo studio dimostra come lo stress possa influenzare un gruppo di persone e in particolare come eventi stressanti delle altre persone possano cambiarci in un modo che ancora non è di facile comprensione ma che sicuramente sottolinea l’importanza dell’empatia all’interno di un gruppo.

(Fonte - Fonte)

Quando lo stress si manifesta con disturbi del sonno, Mag Notte può essere un valido aiuto. La sua formulazione combina le proprietà del Magnesio, utile a ridurre la stanchezza, a quelle della melatonina, che aiuta a ridurre il tempo necessario ad addormentarsi, e della griffonia, che favorisce il rilassamento ed il benessere mentale. Il contenuto della bustina può essere assunto direttamente, senz’acqua, oppure se si preferisce può essere sciolto in acqua fredda o calda.

Questo articolo non contiene alcuna raccomandazione di carattere medico, o suggerimento all’assunzione. Ricorda che il tuo medico curante è il riferimento a cui rivolgerti per trovare la soluzione più adatta per te.

Gli integratori non vanno intesi come sostituti di una dieta variata e di uno stile di vita sano.

SAIT.CHC.18.03.0284
Notti insonni contagiose