MagZine

SALUTE E BENESSERE

Dormire meglio: i falsi miti sul sonno

Cosa significa davvero ‘dormire bene’?

Sono diversi i luoghi comuni e le false credenze sul sonno. Vi sveliamo le risposte ai miti più diffusi.

 #1 – Bisogna dormire almeno 8 ore a notte

NON E’ VERO! Sarebbe l’ideale, ma alcuni riescono ad affrontare bene la giornata anche con meno ore di sonno: dipende infatti da fattori genetici, dall’età, dal livello di attività della propria vita.
Ying-Hui Fu, biologa dell’Università della California, ha studiato questa tipologia di persone, chiamate “short sleepers” (fonte): secondo i suoi studi queste persone sarebbero accomunate da alcune caratteristiche come essere più ottimiste, tendere a svegliarsi presto anche in vacanza, avere ereditato questa tendenza da un membro della famiglia, essere sportive, sentirsi intontite se dormono “troppo”.

#2 - Non è importante ciò che si fa prima di andare a dormire

NON e’ VERO! Secondo le norme sull’“igiene del sonno”, per dormire bene è importante ad esempio evitare di assumere nelle ore serali bevande eccitanti come quelle contenenti caffeina, fare attività troppo coinvolgenti sul piano emotivo e mentale come studio, lavoro o giocare con videogames, eseguire allenamenti di medio-alta intensità, ecc.

#3 – Il pisolino aiuta a recuperare ore di sonno

NON E’ SEMPRE VERO… Se il pisolino è troppo lungo potrebbe rischiare di non farvi poi addormentare la notte e molto probabilmente l’avrete già sperimentato; ma se dura non più di 20 minuti può darvi benefici: studi hanno dimostrato infatti che un pisolino breve aiuta a essere più concentrati, favorisce la memoria e rende più vigili.

#4 – Contare le pecorelle aiuta ad addormentarsi

NON E’ VERO! Uno studio ha dimostrato che impegnare il cervello nel “contare le pecorelle” non è un’attività mentale così intensa da portarlo a “spegnersi”: infatti è facile tornare alle preoccupazioni quotidiane che ci rendono insonni. Visualizzare invece immagini rilassanti, come una spiaggia da sogno dove fare una vacanza, col rumore delle onde del mare che ci culla e un succo fresco in mano mentre si ozia su una sdraio, ha aiutato invece i partecipanti allo studio ad addormentarsi prima.

E voi, siete degli short sleeper, contate le pecorelle o fate il riposino pomeridiano?

 

Se avete difficoltà ad addormentarvi c’è un valido alleato che vi può aiutare a ritrovare sonni tranquilli: Mag Notte, con magnesio, melatonina, griffonia e triptofano aiuta a ridurre il tempo necessario ad addormentarsi e favorisce il rilassamento ed il benessere mentale.

Mag Notte. Sonni tranquilli e giorni dinamici.

Questo articolo non contiene alcuna raccomandazione di carattere medico, o suggerimento all’assunzione. Ricorda che il tuo medico curante è il riferimento a cui rivolgerti per trovare la soluzione più adatta per te.